MOSTRA CATEGORIE
  • Privacy
  • Campi Elettromagnetici (CEM)
  • MOCA
  • Valutazioni dei rischi
  • Sicurezza cantiere
  • Sicurezza macchine
  • Verifica sito produttivo
  • Prevenzione incendi
  • Trasporto merci pericolose ADR
  • Assunzione incarico RSPP
  • Apparecchi a pressione - PED
  • Agenti fisici
  • Direttiva "Seveso"

SICUREZZA

MOCA

Vengono definiti MOCA tutti i materiali e gli oggetti destinati ad entrare in contatto con gli alimenti (macchine di produzione del settore alimentare, imballaggi, contenitori per alimenti, piatti, bicchieri, posate, bottiglie, tappi, coltelli, carta da incarto, scatole della pizza, pellicole di plastica, etichette a contatto con gli alimenti ed altro).

Le imprese che producono, importano e commerciano MOCA sono responsabili di controllare la rispondenza dei loro prodotti alle norme e devono dimostrare di aver adeguatamente provveduto al monitoraggio con relativi controlli ed accertamenti utili a garantire che i loro prodotti non cedano sostanze tossiche agli alimenti con cui andranno o potrebbero andare a contatto. Gli operatori del settore devono quindi istituire un sistema di assicurazione della qualità ed uno di controllo, prevedendo alla redazione della relativa documentazione ed all’archiviazione dei documenti operativi e delle registrazioni.

Durante la loro filiera produttiva i materiali ed oggetti devono essere accompagnati, tranne nella fase di vendita al consumatore finale, dalla dichiarazione di conformità del produttore che attesta la conformità alle norme vigenti e quindi garantisce che tale materiale sia idoneo al contatto con gli alimenti. 

Deve quindi essere garantita la rintracciabilità dei prodotti in qualunque fase della lavorazione, della trasformazione e della distribuzione (con procedure che specificano la gestione dei dati relativi ai fornitori, la rete di distribuzione, il richiamo/ritiro del prodotto con relativa comunicazione all’ASL territorialmente competente per eventuali allerte).

Ogni Moca deve inoltre possedere idonea etichettatura.

In tema di Responsabilità anche le imprese utilizzatrici di MOCA rispondono a quanto stabilito dalla normativa. L’utilizzo di materiali ed oggetti deve essere sottoposto all’accertamento da parte degli Operatori del Settore Alimentare (OSA) della loro conformità alle norme vigenti e alla idoneità tecnologica per lo scopo cui sono destinati, assicurando il rispetto delle disposizioni volte a garantire la sicurezza degli alimenti.

L’impresa alimentare (dal punto vendita al laboratorio, alla mensa o all’industria alimentare) deve quindi disporre della dichiarazione di conformità dei materiali ed oggetti destinati al contatto con alimenti, richiedendola al produttore o al grossista, in modo da consentire agli organi di controllo di identificare il produttore dei materiali o degli oggetti impiegati.

Tra gli organi preposti al controllo ufficiale dei MOCA, vi sono, il Servizio d’Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN), i Servizi Veterinari (SVET) delle Aziende Sanitarie Locali, seguendo il regolamento CE 882/2004 e il Piano Regionale Integrato per i controlli sulla Sicurezza Alimentare (PRISA) predisposto dalla Direzione Sanità delle Regioni.

Le sanzioni previste discendono da svariate norme sia generali che specifiche. Le norme specifiche riferite ai materiali a contatto con gli alimenti (es. DPR 777/82 modificato dal D.Lgs 108/92 o DM 21/03/1973), prevedono sanzioni da 2.500 a oltre 7.500 euro per difformità di etichettatura o indicazioni d’uso, mancanza o inesattezza della dichiarazione di conformità o rintracciabilità inesatta e si arriva fino a sanzioni di oltre 92.000 euro qualora vengano utilizzati o posti in vendita MOCA che, per composizione o cessione di componenti, rendano le sostanze alimentari nocive o pericolose per la salute pubblica.

Oltre alle norme sopra indicate vi sono quelle generali di igiene e sicurezza alimentare che prevedono sanzioni che vanno dai 500 ai 3.000 euro per il mancato rispetto dei requisiti generali in materia di igiene (Reg. 852/2004 allegato II capitolo V attrezzature e X imballaggio). Inoltre vi sono sanzioni da 1.000 a 6.000 euro per mancata predisposizione di procedure di autocontrollo, o non corretta applicazione delle stesse.

Cosa può fare Ecoricerche:

• Consulenza ai produttori di beni rientranti nei MOCA sviluppando un sistema di gestione rispondente ai requisiti previsti dalla normativa.
• Consulenza alle aziende che utilizzano MOCA con integrazione del sistema di gestione HACCP in modo da renderlo rispondente ai requisiti previsti dalla normativa.
• Test di cessione tramite il laboratorio Accreditato Ecoricerche Srl.
• Formazione interna finalizzata a garantire il mantenimento dei requisiti previsti.
• Assistenza annuale comprensiva di test di cessione, formazione, aggiornamento periodico della documentazione  e audit sul sistema.
• Consulenza in ambito Direttiva Macchine al fine di commercializzare prodotti rispondenti alle specifiche normative comunitarie di prodotto.

Scarica l'informativa per PRODUTTORI e UTILIZZATORI

Per offrirti il miglior servizio possibile Ecoricerche srl utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.       INFO   |   ACCETTO